C’era una volta una bambina

Silvia Sai

Non avrei pensato di raccontare questo libro. C’era una volta una bambina, edito da Topipittori. Perfetto, in molti suoi aspetti, un albo illustrato bilanciato ad arte nelle sue componenti iconografiche e testuali. Così perfetto da incutere timore. Così coraggioso e originale nel rivisitare la fiaba classica di Capuccetto Rosso. Tanto disarmante è l’accostamento della nota trama, con piccole ma significative varianti, e la profondità del messaggio che essa racchiude.

Non avrei pensato di raccontare questo libro. Uno di quegli albi che io descrivo come inafferrabile e inenarrabile. Qualsiasi racconto al riguardo gli farebbe torto. A tratti credo sia uno di quei libri che non capirò mai fino in fondo.

Le parole di Giovanna Zoboli si intrecciano alle illustrazioni della Concejo con un così alto grado di sintonia da risultare magnetiche. L’albo nella sua totalità è magnetico. Una volta iniziata la lettura, fin dalla copertina, risulta impossibile allontanare lo sguardo, e la mente. Parole sapienti e dense sussurrano qualcosa di rivoluzionario. Impossibile non fermarsi ad ascoltare, a pensare, a riflettere, a girare a ritroso le pagine, rileggendo e rimirando le illustrazioni.

Con questo albo ho avuto anche conferma che ogni libro trova, prima o poi, il suo ‘padrone’. E ogni libro, anche se mai avresti pensato, può essere regalato, un giorno, a tua figlia, per la sua nascita.

Non parlerò di questo libro più di quanto fatto finora. Qualcuno ha scritto parole più preziose delle mie, perché ha pensato di donarlo e dedicarlo a Tina, come benvenuto nel mondo.

Grazie LISA, questo blog si è aperto con un altro dono tuo, a Ilde (Sera d’inverno), e oggi si arricchisce ancora, non solo di libri ma di vita.

Silvia

Questo non è un libro che si regala per la nascita di una bambina.

Questo è un libro che parla di una bambina. Una bambina svelta, attenta e coraggiosa. E’ un libro che parla del suo lupo. E’ un libro che parla di un cacciatore.
Il bosco richiede silenzio, per chi sa ascoltare, e la bambina ascolta. Il bosco le regala il lupo, lupo con la luna negli occhi. Insieme al lupo corre e gioca, e casa e bosco si uniscono di un legame impossibile ma reale.

Mi son ritrovata questo libro tra le mani mentre cercavo un regalo per la nascita di Tina. Ho pensato a quanto fosse forte e coraggiosa la sua protagonista, a quanto fosse libera. Non ho letto inquietudine o tristezza, come altri hanno fatto; ho letto una grande forza. Ho trovato fosse un libro potentissimo e meraviglioso.

Diventare grandi in un mondo di adulti che ti raccontano l’antichissima storia dell’attenta, attenta a te.

Diventare grandi e scegliere il lupo con la luna negli occhi, scegliere di ascoltare il bosco, scegliere di correre e giocare.

Essere bambine e poi donne in un mondo di cacciatori che non capiscono, o che fin troppo bene capiscono, e pensano di poter decidere per te.

La bambina del libro non perde il filo e trova la strada, nonostante tutto.
Perché è svelta, attenta e coraggiosa.

Ecco, questo non è un libro che si regala per la nascita di una bambina.

A Tina, perché sappia ascoltare il bosco ed essere forte e libera.

LISA

C’ERA UNA VOLTA UNA BAMBINA

G. Zoboli (testo) e J. Concejo (illustrazioni)

Ed. Topipittori

64 pp. | 21×29,3 cm. | Anno di pubblicazione 2015

Prezzo: 20,00 euro

image
Condividi questo articolo sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *