Migrando

Ada

Sei partita in un uggioso pomeriggio di novembre. Un ultimo abbraccio davanti ad un camino scoppiettante. Non era un abbraccio triste ma pieno di speranze, almeno le mie, per un tuo nuovo futuro.

Nell’abbraccio ho sentito paura, in fin dei conti sei tu che parti, io resto qui davanti al caldo camino e mi è semplice avere in testa per te un futuro felice. Sei uscita di casa mia, forse per l’ultima volta, chissà, e nella mia mente eccole le immagini, nitide come i tratti del disegno che le caratterizza, forti, dirette, del libro MIGRANDO di Mariana Chiesa Mateos edito da Orecchio Acerbo.

Migrando_OrecchioAcerbo_1

Era un sospeso che avevo con voi lettori del blog, ve ne avevo appena accennato dopo il mio rientro da Lampedusa in un post. Era un sospeso che non trovava la sua strada. L’ha trovata oggi, quando sei uscita dalla porta. Perchè Migrando racconta anche la tua di storia, una storia prima di migrazioni famigliari, dal caldo Marocco alla pianura padana, e poi di migrazioni solitarie dalla pianura padana alla metropoli parigina, ad inseguire un futuro migliore, di donna libera di poter scegliere.

Questo silent book così delicato le tiene dentro entrambe queste tue migrazioni, una di più di vent’anni fa, forse su una nave, con i tuoi fratelli, certamente con tua madre per raggiungere l’Italia, quel sogno che tuo padre faticosamente aveva reso per te realtà.

20141117185221237_0010

E l’Italia è diventata casa tua ma non del tutto, perchè ci sono radici che non si tagliano, ci sono tradizioni cui, a volte, ci si tiene stretti per non perdersi, ci sono regole cui ci si attiene perchè quello era giusto nel posto da cui provenivi. Giusto, sbagliato non sono io a poterlo dire. Sei solo tu a sentire cosa fare della tua vita.

E allora eccola un’altra migrazione per poter prendere le distanze da quelle regole che ti tenevano stretta a radici che senti tue, ma non del tutto.

Migrando_OrecchioAcerbo_3

La migrazione scelta forzata di una vita complessa, sola su un aereo questa volta. Una migrazione molto diversa da quelle a cui tragicamente assistiamo tutti i giorni, una migrazione con tutti i documenti in regola, a bordo di un comodo aereo, verso una nuova casa di mattoni ma non per questo vissuta a cuor leggero. Ogni partenza è accompagnata da entusiasmo ma al contempo nostalgia, per quello che si lascia, per gli affetti, per le quotidianità, le amicizie.

Migrando_OrecchioAcerbo_4

Certo non sarà facile, ogni migrazione è una ripartenza ma anche una contaminazione, un apprendere senza confini, un crescere cittadini del mondo…sono certa che guardando alla tua vita, tra molti anni, le tue migrazioni diverranno una ricchezza che hai preso per mano facendola diventare compagna di vita e fertile terreno su cui crescere e costruire nuove case.

Buona strada!

Migrando è un libro costruito interamente sulla grafica, un libro senza parole, che evoca vissuti e li fa riaffiorare in superficie in maniera differente a seconda di quello che ciascuno ha sperimentato. Un libro che si sfoglia in due sensi, raccontando due storie distinte di migrazione che divengono, nella pagina centrale, una unica storia che si costruisce di frammenti delle due. Una migrazione difficile, a bordo di mezzi di fortuna, per scappare da paesi in guerra, da opportunità negate e che apre spesso le porte di un centro di identificazione ed espulsione, contrapposta ad una migrazione apparentemente meno faticosa ma altrettanto complessa e dolorosa, quella verso un futuro migliore e verso altre opportunità ma che ci allontana dalle nostre radici e dagli affetti.

Nel libro è evidente la migrazione personale dell’autrice che, come ci indica nel prologo, è figlia di migranti che cercavano in Argentina un futuro migliore e a sua volta migra nuovamente in Spagna, paese di origine della sua famiglia.

A chi lo consiglio (rubando le parole dell’autrice):

– A tutti coloro che lasciarono il proprio luogo di nascita per re-esistere da un’altra parte

– A tutti coloro che pensano che anche le persone appartengono alla specie migratoria

 
MIGRANDO
scritto e illustrato da Mariana Chiesa Mateos
Orecchio Acerbo Editore
68 pp. –  cm. 20 x 20
Anno di pubblicazione: 2010 
 
ISBN 9788889025888
€ 13,00 

Per chi vuole svolazzare ancora un po’:

Il booktrailer del libro

La pagina del libro sul sito di Orecchio Acerbo con spunti di approfondimento e alcune pagine sfogliabili

Condividi questo articolo sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *