Il segreto della fontana blu

Silvia Sai

Il segreto della fontana blu | Kyung-Sik Choi | Terre di Mezzo

Un albo quasi senza parole schiude mondi immaginari in un’avventura mozzafiato da una fontana blu a balene nell’oceano… Dai 4 anni.

Ci sono libri in cui l’immaginario irrompe nell’ordinario. Storie in cui la percezione della fantasia dà forma e senso a ciò non vediamo, e solo intuiamo nel mistero.
Sono libri preziosi perché lasciano spazio all’immaginazione, o meglio, la stimolano pungolando il pensiero immaginifico dei bambini, scavando domande e fendendo squarci inaspettati.

Ricordo nitidamente quanto la mia immaginazione di bambina viaggiasse guardando il buco di scolo della vasca da bagno – cosa si nasconderà lì dentro? – o le venature del legno sulle ante di una armadio – per me diventavano occhi, bocche, volti – o le crepe di siccità nella terra brulla – da quando un’amica mi disse che erano varchi verso le case sotterranee dei ladri -.

La nuova bella uscita per Terre di Mezzo, un albo quasi senza parole del coreano Kyung-Sik Choi, non fa altro che rafforzare fantasie in essere nei bambini attorno a mondi possibili al di là del reale visibile.

Segreto_fontana_blu_Kyung_Sik_Choi_Terre_di_Mezzo_Galline_Volanti

Ampie tavole in un delicato bianco e nero, puntellate di azzurro mare, sono scenografia a un’incredibile avventura che vede protagonista un bambino tutto solo, e il suo cane, in un caldissimo giorno d’estate.
Siamo in un contesto urbano, palazzoni alti circondano una piazzetta con al centro una fontana, da tempo ignorata da tutti e priva d’acqua – “c’è chi dice che nei giorni di pioggia si sente l’odore dell’oceano” -, qualche passante, e il bambino incuriosito si avvicina alla fontana. Si respira un’aria carica di tensione, come suggeriscono le uniche frasi iniziali: “Le previsioni dicono che questa sarà un’estate strana. La più strana di sempre”.
E la straordinarietà non si fa attendere, entra con un ritmo sorprendente in cui le illustrazioni la fanno da padrone – e con che potenza! -, prende le forme di una specie di terremoto che spacca il terreno in grandi crepe, sempre più ampie, ecco il bambino traballa, e tutto si scombussola, e intravediamo un occhio enorme tra le crepe del terreno…

Il mistero è presto svelato ma l’avventura è solo all’inizio. Nelle pagine successive scopriamo il segreto della fontana blu: lo sfiato della fontana altro non è che quello di una balena che sulla sommità ha proprio la fontana!
E dunque il bambino si trova in sella alla balena, e vola in aria, e poi ruota in cielo, e si tuffa in alto mare, fin sott’acqua, per poi salire in superficie dove ci sono… moltissime altre balene, ognuna con una sommità di fontana differente!
Trasportati in una dimensione assolutamente fantastica, anche noi lettori piroettiamo insieme al cetaceo, in un continuo movimento reso egregiamente da inquadrature sempre diverse e originali.

E come si conviene a ogni migliore avventura, vi è il ritorno a casa, la ricomposizione nell’ordine e nella normalità. In una nebulosa di goccioline lievemente pastellate di rosso, a suggerire quasi una vaporosa magia, il bimbo si ritrova al punto di partenza, poi entra in casa, nudo cammina, lasciando tracce di mare, stelle marine e felicità.

IL SEGRETO DELLA FONTANA BLU

Kyung-Sik Choi

Terre di Mezzo

Anno di pubblicazione: 2017

48 pp. 

Prezzo di copertina: 15 euro

Età di lettura: dai 4 anni

Condividi questo articolo sui social

Una replica a “Il segreto della fontana blu”

  1. […] 7) IL SEGRETO DELLA FONTANA BLU | Kyung-Sik Choi | Terre di Mezzo (recensione) […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *