Mule Boy e il troll dal cuore spezzato

Silvia Sai

Il primo libro illustrato della collana Trasversale Beisler è strepitoso. Scritto e illustrato dall’autore norvegese Øyvind Torseter, riprende una fiaba tradizionale nordica caratterizzandola di elementi visivi e narrativi estremamente originali.

E se l’intento della nuova collana è la proposta di eccellenze letterarie che sfuggano a etichette di età, genere e linguaggi, l’obiettivo è pienamente raggiunto!

Mule Boy si presenta nel formato classico dell’albo illustrato, ma più corposo nel numero di pagine, e può catturare l’interesse e la curiosità di un pubblico variegato.

mule-boy-Øyvin-torseter-beisler

L’avvio è il più classico fiabesco: un re con 7 figli, 6 di questi partono in cerca di fortuna per il mondo, il più piccolo resta con il re, finché non si apprende che i fratelli sono rimasti vittima di un incantesimo pietrificante ad opera del malvagio troll. Mule Boy, dunque, dotato di grande intraprendenza, coraggio e furbizia, si mette in viaggio…

Ci saranno prove da superare, una principessa da salvare, animali parlanti, una grotta piena di pericoli, oggetti “magici”, un cuore di troll da frantumare, l’innamoramento e il lieto fine (aperto).

Fin qui tutto normale, anche il fatto che a Mule Boy, da buon ultimo genito, non resti che affidarsi a un “ronzino spelacchiato e macilento”…

…ma Mule Boy non se ne fece cruccio. Balzò in groppa al cavallo malfermo e traballante, e partì.

Eppure sin dai risguardi, dal frontespizio e dalla primissima pagina, capiamo che c’è qualcosa di singolare.

La sguardia anteriore è una galleria di personaggi strani che sembrano vagare spaesati; nel frontespizio vediamo Mule Boy intento a infilare nello zaino una quantità inimmaginabile e bizzarra di oggetti divertentissimi da esplorare (un tostapane? ciabatte pelose? un matterello?); nella prima pagina leggiamo un testo corposo in cui ci viene raccontato l’antefatto della storia.

Nella pagina successiva inizia una narrazione visiva completamente diversa. E’ quella che caratterizzerà tutto il libro, fatto di vignette e fumetti, cornici di diverse dimensioni, colori via a via mutevoli sui quali emergono figure rese con tratto rapido e quasi accennato, con un mix di tecniche artistiche che sembra rispondere al puro piacere sperimentale e visionario dell’autore.

Tutto è movimento: sembra di essere in viaggio con Mule Boy!

Mentre seguiamo l’eroe nella sua impresa, incontriamo la paura, definita qui in maniera orrorifica principalmente nella parte visiva, non tanto in uno dei primi personaggi incontrati, il lupo, ma piuttosto nella figura del troll, ritratta in modo davvero terrificante, per stomaci forti! Di contorno, scheletri e teschi che sussurrano e intimano all’interno della caverna del troll.

Non è finita qui. Perché se state iniziando a ritenere questo libro non adatto a bambini, vi sbagliate.

Tralasciando l’interesse che moltissimi piccoli hanno per le storie e figure che spaventano e inquietano, c’è un elemento che stempera questo sentimento dando una caratterizzazione frizzante alla fiaba, sin dall’inizio (ricordate il frontespizio?).

Ebbene sì, Mule Boy fa anche molto ridere.

Di quella ironia in parte immediata, in parte più sottile, veicolata dai dialoghi, (strepitosi ad esempio quelli tra il ronzino ben poco temerario e Mule Boy), da alcuni sviluppi della trama e anche da alcune soluzioni visuali. I salti di qua e là di Mule Boy sono molto buffi – pare quasi di sentirlo fischiettare – così come la sua furbizia, ma ancor più il suo bisogno di andare in bagno o di mangiare, proprio nella caverna del terribile troll.

Insomma, un libro che consiglierò spesso e che vi invito a scoprire. Sono certa che per la sua ricchezza chiamerà a gran voce più e più letture.

MULE BOY e il troll dal cuore spezzato

Øyvind Torseter 

Traduzione di Alice Tonzig

Beisler – Collana: Trasversale

Anno di pubblicazione: 2021

112 pp.

Prezzo di copertina: 24 euro

Età di lettura: trasversale! A partire dai 6 anni

Condividi questo articolo sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *